fbpx

Nella situazione attuale di mercato riuscire a vendere casa (senza il metodo Replace) è una grossa incognita. In media ci vogliono 9-10 mesi per trovare un acquirente. Una certezza invece connessa alla vendita è il pagamento delle tasse. Ma solo in alcuni casi…

Su quest’argomento c’è sempre abbastanza confusione, per cui ho deciso in questo articolo di fare chiarezza con l’aiuto di un nostro esperto legale.

Chi è soggetto al pagamento delle imposte e chi invece NON deve pagare NULLA?

Se sei proprietario dell’immobile da almeno 5 anni, o hai ereditato la casa, beh è il tuo giorno fortunato … infatti NON dovrai pagare nulla.

Non importa che tu l’abbia comprato con o senza agevolazione prima casa. Lo Stato non applica nessuna tassazione a chi vende un immobile di cui è proprietario da oltre 5 anni.

Se hai acquistato casa da meno di cinque anni e decidi di venderla, invece, ci sono delle considerazioni da fare.

Quali tasse si pagano nel vendere casa

Ho comprato casa da meno di 5 anni e ora voglio venderla. Mi devo preoccupare?

Come investitore immobiliare mi sono trovato spesso in questa situazione, e ho imparato che acquistare e rivendere un immobile entro i 5 anni è considerata un’attività speculativa dall’Agenzia delle Entrate.

E si pagano le tasse sulla plusvalenza.

In pratica, se dalla vendita guadagni una somma di denaro più elevata rispetto al prezzo che avevi pagato per acquistare la casa, quel guadagno dovrà essere tassato.

Facciamo un esempio..

  • Acquisto 200.000 €
  • Rivendita 220.000 €
  • 220.000 – 200.000 = 20.000,00 PLUSVALENZA
  • 20.000,00 x 20% = 4.000,00 da pagare direttamente al notaio
  • In alternativa si paga in base allo scaglione irpef

Come vedi, se hai comprato una casa per 200.000 euro e dopo un anno la rivendi a 220.000 euro, il giorno del rogito davanti al notaio ti verrà chiesto di pagare le tasse su quei 20.000 euro di plusvalenza.

Puoi scegliere la tassazione ordinaria in base al tuo scaglione irpef (quindi la plusvalenza andrà a sommarsi ai tuoi redditi e pagherai le tasse alla prossima dichiarazione dei redditi) oppure la tassazione separata al 20% da liquidare immediatamente al notaio.

C’è però una eccezione.

Se la casa è posseduta da meno di 5 anni ma il venditore ha avuto la residenza per la maggior parte del periodo (almeno la metà del tempo + 1 giorno) , NON vi sono imposte.

Dunque a pagare le tasse restano due categorie di persone:

  1. gli investitori che operano per trarre un guadagno con la compravendita di immobili
  2. persone che hanno più immobili di proprietà

Chi altro NON deve pagare le tasse?

Per chiarire ulteriormente chi NON viene tassato sulla plusvalenza se decide di vendere casa ecco un elenco aggiornato…

Se rientri in questo elenco non dovrai pagare nessuna imposta nel vendere casa:

  • immobili che vengono venduti dopo 5 anni dall’acquisto;
  • immobili che per la maggior parte del periodo intercorso tra l’acquisto e la vendita sono stati adibiti ad abitazione principale dal proprietario;
  • immobili ricevuti per successione;
  • immobili ricevuti per donazione se, con riferimento alla persona che ha donato l’immobile, sono trascorsi 5 anni dall’acquisto dello stesso.

In questo articolo abbiamo visto quando la vendita dell’immobile è soggetta a tassazione e quali imposte si devono pagare.

Se rientri in uno dei casi in cui devi pagare la plusvalenza, il mio consiglio è rivolgerti a un’agenzia immobiliare o qualcuno che sappia darti il valore corretto di rivendita della tua casa e ti aiuti a calcolare l’imposta dovuta e quale tassazione conviene utilizzare.

Buona vendita!

Write A Comment